Come migliorare la Comunicazione verbale?

In quest’articolo parleremo di come migliorare la comunicazione verbale.

Comunicare verbalmente: le parole diventano veicoli degli stati d’animo e pensieri interiori.

“Il corpo parla più delle parole”. Vero. Ma anche queste hanno la loro incidenza.

Pensa se vivessimo in un mondo senza parole, senza la possibilità di esprimere uno stato d’animo sotto tutte le sue sfaccettature. Pensa se “ti amo” avesse la stessa valenza di “mi piaci”. O se “addio” non fosse diverso da “arrivederci”.

Per quanto incida in minima parte sul messaggio trasmesso all’interlocutore, rispetto le altre due tipologie di comunicazione, quella verbale è comunque importante.

Per incrementare il tuo successo nelle relazioni con le persone (e non solo con le donne) devi saper usare anche la comunicazione verbale.

Per quanto confermiamo che leggere spesso, conoscere la grammatica e tenere la mente allenata all’ascolto attivo, siano modi efficaci per allenarla, vogliamo offrirti qualcosa di più concreto.

Dunque, qui sotto troverai 3 consigli specifici per poter migliorare la tua comunicazione verbale fin da subito.

1) Scandisci le parole fino alla fine.

Per via del condizionamento dei diversi dialetti e accenti nazionali, spesso non facciamo arrivare il messaggio all’interlocutore, nella sua forma più completa. Può succedere anche per la semplice fretta o tensione nell’esprimere un concetto: le parole vengono tagliate a metà. Consciamente l’interlocutore le capisce, inconsciamente non le valorizza totalmente.

“Va ben, facciamo così” viene percepito diversamente da “Va benE, facciamO così”.

Allenati a scandire le parole, pronunciando in maniera prolungata (3-4 secondi) le singole lettere

che le compongono. Vedrai i risultati nell’immediato.

2) Elimina le parole di svalutazione a inizio della frase.

Altra usanza tipica dell’italiano è quella di cominciare frasi con parole che sminuiscono la frase stessa.

“Cosa hai fatto, oggi?”

Migliorare la Comunicazione Verbale
  • Eh, niente… sono andato al bar, poi al lavoro, poi in palestra…”

“Andrai a Milano questo week end?”

  • Boh, sì, dai… ho già programmato tutta la giornata, adesso ti spiego”

Queste due espressioni di svalutazione a inizio delle frasi di risposta, tolgono buona parte dell’attenzione dell’interlocutore, ancora prima di iniziare. D’altronde, se sei il primo a non dare valore a quello che dici, perché un’altra persona dovrebbe ascoltarti attivamente?

Inizia a riconoscerle e a evitarle tutte.

3) Poche parole chiare per esprimere un concetto, sono meglio di tante e incomprensibili.

La frase qui sopra parla da sola: non è necessario avere un dizionario forbito per essere chiaro al tuo interlocutore: ti “bastano” le parole giuste.

Quali sono? Quelle che utilizzeresti per spiegare il concetto ad un bambino.

Allenati a fare discorsi brevi, ma con parole semplici e chiare. Allunga questi discorsi, solo se strettamente necessario e, se possibile, con esempi pratici.

Ti aspettiamo per approfondire questo argomento e per risolvere ogni tua difficoltà a riguardo. Contattaci

Se non lo hai ancora fatto, ti consigliamo di leggere anche l’approfondimento su come migliorare la Comunicazione non verbale 

Gli Istruttori di ACS