Rifiuto, come affrontarlo?

Il rifiuto pare essere il punto di partenza di buona parte di coloro che si sono avvicinati al mondo della seduzione. E,  di queste persone davvero in poche sono riuscite realmente a superarlo.

Ma partiamo dalla base del discorso: che cos’è un rifiuto?
È la negazione di una richiesta.
È un “no”, uno delle miriadi di “no” che hai ricevuto nell’arco della tua vita.
Un “no” a cui, però, attribuisci più valore.
È da questo semplice meccanismo che si innesca la cosiddetta “paura del rifiuto”.

Che è estendibile a numerosi circostanze, ma rimaniamo all’interno delle dinamiche uomo – donna.

Il contesto in cui sei cresciuto ti ha indotto a impersonare e a proteggere un’immagine costruita, che richiede di essere soddisfatta costantemente.

Ecco da cosa deriva la tua paura: dal non soddisfacimento delle richieste di quell’immagine imposta, che negli anni hai provveduto, inconsciamente, a far diventare la tua.

Il primo passo da compiere per affrontare qualunque rifiuto è capire a fondo questo concetto: la tua paura del no, deriva dal timore che la tua immagine fittizia non venga riconosciuta.

Il secondo è quello di non “affrontarlo”, ma viverlo.

Se affronti il rifiuto, in realtà lo soffochi e non sarai mai in grado di comprenderlo realmente.

Devi accettarlo e viverlo, solo così riuscirai a smettere di temerlo.

All’atto pratico: di fronte ad ogni rifiuto, chiediti sempre il perché, e snocciola il contesto vissuto senza rimanere in superficie.

Accettare un rifiuto

“Ho avuto un rifiuto: perché? Che cosa ho fatto di non corretto? Come mi fa sentire questa cosa? A cosa è dovuta questa sensazione? È produttiva? Ha un senso, in funzione del mio obbiettivo?”

In questo modo sia la tua parte conscia, che inconscia, assoceranno il rifiuto a una semplice prassi da analizzare, piuttosto che a una situazione da temere.

E se comincerai, inconsciamente, a non temerlo, lo stesso rifiuto accadrà sempre meno frequentemente.

Il terzo e ultimo passo (ma non per importanza) è imparare a darti tempo.

Datti tempo: è da sempre il miglior compromesso da adottare, per raggiungere il reale cambiamento personale.

Roma non è stata costruita in un giorno, ma puoi partire da oggi.

Ti aspettiamo per approfondire questo argomento e per risolvere ogni tua difficoltà a riguardo. Contattaci

Gli istruttori di ACS